FreeBASIC – lavorare con i files [2]

Nel precedente articolo abbiamo visto come creare un file di testo e come leggerlo riga per riga.

Oggi scopriremo come aggiungere del contenuto testuale.

Per farlo dobbiamo aprire un file di testo esistente in modalità append. Se il file non dovesse esistere ne verrebbe comunque creato uno nuovo:

'Crea un file di testo e scrive la prima riga.
open "prova.txt" for output as #1
 print #1, "riga 1"
close #1

'Apre il file di testo esistente e aggiunge una nuova riga di testo.
open "prova.txt" for append as #1
  print #1, "riga 2"
close #1

Scrivere e leggere valori in formato tabellare

Oltre a poter leggere una riga di testo per volta con l’istruzione line input # e a scriverne una per volta con l’istruzione print #, è possibile memorizzare in un file di testo delle informazioni in formato tabellare (dati separati da virgole) attraverso l’istruzione write # e quindi leggerli con l’istruzione input #:

dim as string a, c
dim as integer b

'Crea un file di testo con tre informazioni separate da virgola.
open "prova.txt" for output as #1
  write #1, "la gatta ha partorito", 4, "gattini"
close #1

'Apre in lettura il file di testo ed assegna a tre variabili le rispettive informazioni.
open "prova.txt" for input as #1
  input #1, a, b, c
close #1

'Stampa il valore delle variabili.
print "la prima informazione e': "; a
print "la seconda informazione e': "; b
print "la terza informazione e': "; c

Bene. Per oggi ci fermiamo qui.

Nel prossimo articolo affronteremo la modalità di apertura binary.

FreeBASIC – print

Nel precedente articolo abbiamo imparato ad eseguire un file BASIC compilato.

Ora iniziamo a sperimentare i nostri primi programmi.

Sebbene potremmo sfruttare l’editor di testo che troviamo normalmente di default sul nostro computer, io consiglio di utilizzare sin da subito il semplice editor di testo Geany che, essendo multipiattaforma, possiamo usare indifferentemente in ambienti Windows, Linux, macOS e altri. Inoltre, avendo delle funzioni elementari tipiche di un IDE (ambiente di sviluppo integrato), ci permetterà, per esempio, di compilare e mandare in esecuzione i nostri programmi con più facilità:

  • tasto F8 per compilare il file sorgente .bas
  • tasto F5 per eseguire il file compilato

Bene, cominciamo!

Istruzione print

Quando ci si approccia ad un qualsiasi linguaggio di programmazione non si può evitare di tirare subito in ballo l’istruzione print per la stampa a video.

Nota: il BASIC è un linguaggio di programmazione che non tiene conto se scriviamo le istruzioni con le lettere maiuscole o minuscole.

In FreeBASIC abbiamo due modi per scriverla:

print "Ciao mondo!"

oppure:

? "Ciao mondo!"

Personalmente preferisco il primo modo perché il punto di domanda mi sembra un po’ troppo ambiguo.

Come organizzare la stampa a video

Per separare le parole di un determinato numero di spazi n si utilizza l’istruzione spc():

print "Ci dividono"; spc(4); "4 spazi."

Avrai forse notato l’uso del punto e virgola. Bene, devi sapere che con il punto e virgola si concatenano le parole e che lo stesso risultato lo ottieni utilizzando i segni + e &:

print "Questo"; "testo" + "mi" & "soffoca."

Per incolonnare il testo si utilizza invece la virgola:

print "Fammi", "spazio!"

Per organizzare il testo in maniera tabellare si utilizza l’istruzione tab():

print "Nome"; tab(20); "Data di nascita"; tab(40); "Residenza"
print "ciuchino"; tab(20); "13 dicembre 2018"; tab(40); "Web"

Un’ultima cosetta riguarda la possibilità di stampare direttamente il risultato di una operazione:

print "4 x 3 ="; 4 * 3

Facile, no? 🙂

Per oggi chiudiamo qui. Ci leggiamo al prossimo articolo dove parleremo del dimensionamento o dichiarazione delle variabili.