FreeBASIC – tipi di files

Vi avverto: questo sarà un articolo abbastanza noioso, ma, allo stesso tempo, anche indispensabile per affrontare con più consapevolezza la programmazione in FreeBASIC.

Cominciamo.

Dovete sapere che in FreeBASIC ci sono tre tipologie di files. Due delle quali abbastanza scontate, ma la terza… che dire… è un po’ strana.

I. File sorgente (o modulo)

Questi files contengono il nostro codice sorgente e hanno estensione .bas. Un semplice programma può essere scritto interamente anche in un solo file, ma se il programma che stiamo sviluppando è di una certa complessità, allora è preferibile organizzarlo su più files sorgente.

II. File eseguibile

Il processo di compilazione crea un file eseguibile contenente sia il codice oggetto ricavato a partire da uno o più files di codice sorgente, che eventuali collegamenti a una o più librerie. Negli ambienti Windows questi files hanno estensione .exe.

III. File di intestazione

Eccoci arrivati al terzo tipo di file, quello strano.

Abbiamo detto che quando ci troviamo a dover sviluppare un programma complesso è bene organizzarlo in più files di codice sorgente. Ebbene, in questi casi, è spesso conveniente anche scrivere un particolare tipo di file sorgente che viene appunto chiamato file di intestazione e che ha come estensione .bi. Questo particolare file contiene generalmente soltanto alcuni specifici tipi di informazioni, quali, per esempio:

  • dichiarazioni di variabili o costanti
  • definizioni di funzioni

La presenza di questo tipo di file aiuta i programmatori ad avere una visione complessiva delle variabili, delle costanti, delle funzioni, ecc., che possono essere utilizzate senza dover prendere visione ogni volta di tutti i files sorgente.

Incastrare tutti i pezzi come in un puzzle

Per utilizzare più files sorgenti o più files di intestazione occorre includerli nel file sorgente che si sta scrivendo attraverso la direttiva #include che informa il compilatore FreeBASIC sul percorso e sul nome della risorsa da includere durante il processo di compilazione.

Nota: un file di intestazione può a sua volta includere altri files di intestazione.

Avendo a che fare con un grande progetto contenente molti files sorgente (magari non tutti scritti da noi), e magari anche più files di intestazione, potrebbe capitare il caso che più files contengano una direttiva di inclusione per la stessa risorsa. Onde evitare un lavoro inutile al compilatore è bene utilizzare la direttiva #include in questa sua variante:

#include once "percorso e nome della risorsa"

Riguardo alla scrittura del percorso, ovvero della sequenza delle cartelle siano ad arrivare a quella che contiene la nostra risorsa, è bello sapere che:

Il compilatore FreeBASIC converte in automatico i simboli di separazione delle cartelle (la barra / negli ambienti Linux, la barra rovesciata \ negli ambienti Windows) in base al sistema operativo dove viene utilizzato.

Evviva! Ce l’abbiamo fatta.

La prossima settimana daremo uno sguardo nel magico mondo delle librerie. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.